Conosciuto soprattutto per la saga dell’investigatore medievale Hugh Corbett, Paul Charles Doherty (inglese, classe 1946) è un prolifico autore di gialli storici, che scriva anche sotto altri svariati pseudonimi. Le epoche che predilige sono le più varie: dall’Inghilterra Normanna, alla macedonia di Alessandro Magno, all’Egitto del XV secolo a.C., fino ad arrivare alla Roma dell’imperatore Costantino.

Dopo un dottorato in storia alla prestigiosa Università di Oxford, Paul Doherty è adesso l’headmaster, il preside, di una scuola nell’Essex. Vive nel nord-est di Londra ed è uno dei maggiori scrittori britannici di thriller a sfondo storico. La serie di Hugh Corbett, ambientata nell’Inghilterra della fine del XIII sec., è stata pubblicata in Italia a partire dal romanzo Satana a St. Mary, e non è la sua unica serie di ambientazione medievale. Con lo pseudonimo di Paul Harding, ha infatti dato vita al personaggio di Fratello Athelstan, l’erborista di Canterbury, che molto ci ricorda il Cadfael della Peters.

Il suo personaggio più originale, però, è senz’altro Claudia, la spia in rosa dell’Antica Roma. Claudia è infatti il “topo” dell’imperatrice Elena, madre di Costantino e futura santa. Per inciso: Elena ha a che fare con il mistero più di quanto si possa credere: ricordiamo che sarà lei a trovare la Vera Croce, ovvero la presunta croce su cui fu crocifisso Gesù. La serie di Claudia è interessante e la ricerca storica dell’autore è precisa, coerente e verosimile. Claudia è la nipote del gestore dell’osteria She-Asses, ha un passato di violenza e abusi alle spalle ed è fidanzata con un ex gladiatore, anche lui spia dell’impero, ma al servizio di Costantino. Il romanzo più interessante della serie, quello che ha più spunti di riflessione e una trama assolutamente ben congegnata, con tanto di finale a sorpresa, è sicuramente Murder’s Immortal Mask, la maschera immortale dell’assassino. Elena chiede a Claudia di indagare sugli efferati omicidi di un serial killer, chiamato Nefandus, che stupra e poi dilania i copri di giovani prostitute. Un Jack lo squartatore ante litteram. Nel contempo, Claudia deve anche ritrovare un alto prelato scomparso nel nulla e che sembra l’unico depositario del segreto sulla collocazione della tomba dell’apostolo Pietro.

Claudia è un personaggio notevole: ha forza, carattere, intelligenza e prontezza di spirito. Ha a sua disposizione un fidanzato che non è alla sua altezza per intelligenza, ma che compensa lo squilibrio esibendo una forza straordinaria e una devozione commovente. Anche gli altri personaggi, dalla maitresse delle prostitute della casa di Iside, alla stessa imperatrice, ambiziosa e legata alla fede e al suo sogno di trasferire la capitale a Bisanzio.

Gli elementi convergono verso un finale concitato e godibile, con interessanti spunti che chiaramente ammiccano al seguito. La lingua è piena di rimandi classici e di “parole difficili” ma elegante e ricca. Auspicabile una traduzione italiana.

________________

Gli Uomini di Paglia

Con fratello  Athelstan nella Londra Medievale…

Fabio Lotti, 23/03/2022

Gli uomini di paglia

Fratello Athelstan indaga nella Londra medievale

Lucius Etruscus, 7/03/2022

Sherlock Holmes e la vicenda della richiesta del fratello

Sherlock Holmes e il dottor Watson nel Tennessee…

Luigi Pachì, 12/11/2019