Patricia “Pat” McGerr, è un’altra figura dimenticata tra gli autori di mystery; assurdamente dimenticata, aggiungiamo. Nata il 26 novembre del 1917 a Falls City (Nebraska) e vissuta invece a Licoln, si diplomò alla University of Nebraska, prendendo un Bachelor e successivamente un Master in Giornalismo alla Columbia University a New York. Per molti anni si occupò di pubbliche relazioni e fu editore, prima di dedicarsi alla scrittura a tempo pieno a partire dal 1948.

La molla fu il successo riportato con il suo primo romanzo pubblicato, “Pick Your Victim” (1947), in cui Patricia McGerr rivoluzionò con una trovata geniale la classica formula del Whodunnit: invertì il processo, rivelando il nome dell’assassino e riservando la rivelazione finale al nome della vittima. La trama è originale: un gruppo di soldati di stanza nelle Aleutine, pur evitando ogni tipo di rischio, muore di noia. Un bel giorno un pacchetto che arriva ad uno di loro, si rivela la fonte di una indagine serrata: tra i vari ritagli di giornale con cui è imbottito (articoli di boxe e notizie di giornali femminili) viene trovato anche l’articolo riguardante un assassinio: nell’ambito della “Society to Uplift Domestic Service”, il Presidente Paul Stetson, uomo notoriamente irascibile e violento, ha ucciso uno dei suoi  Vice-Presidenti. Tuttavia proprio laddove sarebbe dovuto essere riportato il nome della vittima, vi è uno strappo e manca il resto: a questo punto tra i soldati comincia una gara: ognuno scommetterà sul nome dei vice-presidenti, adducendo dei vari motivi, fino alla individuazione della vittima.

Pick Your Victim fu una pietra cardine nella carriera di scrittrice di Pat McGerr, e, come spesso accade, talora lei stessa cercò di rinverdire il successo, scrivendo altri romanzi che cercassero di emulare in originalità la sua prima e originale trovata. Tra questi, per es., The Seven Deadly Sisters (1948) in cui una tra sette sorelle, ha ucciso il proprio marito: la protagonista del romanzo, Sally Brown, residente in Gran Bretagna ma americana, riceve una lettera proveniente dalla madre patria, che le annuncia il misfatto, ma che non rivela di quale delle sue zie si tratti. Dovrà quindi scoprire il nome dell’assassina ma anche della vittima. Inteteressante è notare che in questo romanzo, la McGerr introdusse una nota aubiografica: infatti sua madre ebbe sei sorelle, in tutto le sette sorelle Dore, parecchio conosciute a Lincoln.

Autopsia

Il ritorno di Kay Scarpetta…

Fabio Lotti, 26/02/2022

Vi presento… “Amnesia” di Patricia Walter

Intervista a Tiziana Prina che ci racconta di un thriller psicologico ben strutturato e ricco di suspense

Francesca Ghezzani, 28/09/2020

A rischio

In edicola un romanzo di Patricia Cornwell, terzo numero della collana Noir allegato al quotidiano La repubblica e...

Pino Cottogni, 18/07/2010