Incontriamo Rohase Piercy a fronte del suo libro pubblicato in Italia in questi giorni, edito da Tre Editori, e intitolato Mio diletto Holmes. L’autrice – classe ’58 – nata a Londra, vive oggi sulla costa meridionale inglese, a Brighton col marito e due figlie. “Mio diletto Holmes” è apparso per la prima volta in Inghilterra nel 1998.

La prima domanda che le poniamo è quando ha deciso di scrivere un libro su Sherlock Holmes.

Rohase Piercy: Era il 1987 – l’anno del centenario della prima pubblicazione di “Uno studio in rosso” – e si trovano libri su Sherlock Holmes ovunque. Non soltanto nuove edizioni del Canone ma moltissimi libri che parlavano del “fenomeno Sherlock Holmes”, che raccontavano perché un personaggio della finzione letteraria aveva un costante fascino, come e perché Conan Doyle lo aveva creato e via dicendo. C’era anche in onda una nuova serie TV con Jeremy Brett nei panni del detective che stava portando il personaggio di Holmes a tutto un nuovo pubblico.

E c'erano anche un sacco di discussioni su come il rapporto tra Holmes e Watson fosse il collante che teneva insieme le storie, senza però mai toccare il tema “omoerotico”.

Ovviamente Conan Doyle scriveva in epoca pre-freudiana e non ha certamente pensato di introdurre volutamente un tema del genere. Ma quando i personaggi di Holmes e Watson sono diventati 'più veri della finzione', hanno assunto una vita propria, e così si è accesa la scintilla tra di loro.

Così ho pensato che, poiché nessun altro sembrava disposto a esplorare il rapporto tra Holmes e Watson da quel punto di vista, lo avrei fatto io! Devo dire però che sono stata un po' ingenua all’epoca: non ero infatti preparata a tutta l'indignazione che avrei causato... Mi piacerebbe dire che non sarebbe successo di questi tempi, venti anni più tardi, anche se a guardare bene lo stesso Robert Downey Jr è stato criticato ai giorni nostri per aver speculato sul personaggio del film di Guy Ritchie… quindi, forse, non ci siamo ancora nemmeno adesso.

Sherlock Magazine: Secondo te, per scrivere un libro sull’universo di Sherlock Holmes è strettamente necessario essere uno “Sherlockiano”?

Rohase Piercy: In realtà sì, penso che sia fondamentale. Se non si dispone delle

In spedizione la Sherlock Magazine

Il ventiquattresimo numero è in arrivo a tutti gli abbonati

Redazione, 18/01/2012

Anteprima: Sherlock Magazine 24

Tra pochi giorni è prevista l'uscita del nuovo numero della nostra rivista cartacea

Redazione, 4/01/2012

Ancora su... Mio diletto Homes

Altre informazioni sui due racconti di Rohase Piercy presto in libreria

Redazione, 26/10/2011