Amato dal pubblico e stimato dalla critica, Giulio Leoni è un indiscusso maestro del giallo storico italiano. Nel 2000 vince l’ambito premio Tedeschi per il giallo Mondadori con il romanzo: Dante Alighieri e i delitti della Medusa, iniziando la sua collaborazione con la casa editrice Mondadori e inaugurando la serie dedicata a Dante Alighieri. Leoni ci regala un ritratto insolito e intrigante del sommo vate italiano: uomo di lettere, ma anche intrepido uomo d’azione. La seguitissima serie consta di quattro romanzi in cui Dante dimostra di avere spiccate qualità investigative e di introspezione psicologica. Giulio Leoni è tra gli autori italiani più tradotti e conosciuti all’estero e la sua produzione è variegata: dai romanzi per ragazzi, ai gialli storici fino ad arrivare ai fantasy, che firma con lo pseudonimo J.P. Rylan. Attualmente insegna Teoria e tecniche della scrittura creativa presso l’Università Sapienza di Roma. È soprattutto il mondo dell’insolito e del non finito ad appassionarlo, così come scrive sul suo sito web: gli aspetti controversi della storia, le sue leggende, i suoi spettri. Quello spazio suggestivo tra la verità dei fatti e l'incertezza del possibile. Qui trova i personaggi di cui si innamora, e ai quali da vita nei romanzi. Gli abbiamo chiesto di aiutarci a penetrare nel suo mondo, per comprendere i meccanismi che lo inducono a scrivere, sperando di carpire il segreto del suo successo

Partiamo dalla sua ultima fatica: La porta di Atlantide (Mondadori, 2011). Quali ragioni l'hanno spinta a rivisitare uno dei miti più affascinanti della storia?

Credo che ogni narratore, prima o poi, venga attratto dal desiderio di confrontarsi

Sherlock Holmes e l’Inferno di Dante

Ripartono le pubblicazioni di Sherlockiana: ogni settimana un apocrifo inedito

Luigi Pachì, 18/01/2022

Delitti al museo

Nove maestri del giallo italiano alle prese con un celebre museo di Napoli: benvenuti nel tempio dei misteri

Lucius Etruscus, 21/03/2019

La chiave di Dante

Una caccia al tesoro tra letteratura e arte come non l’avete mai letta: un grande thriller firmato G.L. Barone

Lucius Etruscus, 7/02/2015