Non ha davvero bisogno di presentazioni questo grande classico di Agatha Christie, ampiamente ristampato in Italia dal 1948 in poi. Stiamo parlando ovviamente di C’è un cadavere in biblioteca (The Body in the Library, 1942), in edicola questo mese per I Classici del Giallo Mondadori n. 1335.

     

Dalla quarta di copertina:

La ragazza è giovane, bella e biondissima. Indossa un abito da sera di satin bianco, con i lustrini. Il viso incipriato, le ciglia cariche di mascara, unghie laccate e labbra rosso sangue, sembra pronta per andare a un ballo. Invece è morta, strangolata. Incongrua e agghiacciante scoperta di una cameriera in un mattino qualunque, nella biblioteca del colonnello Bantry. Dolly, sua moglie, si affretta a chiedere aiuto a Miss Marple, perché sa bene che l’investigatrice dilettante di St Mary Mead è l’unica in grado di risolvere il mistero prima che le malelingue si mettano in moto. I poliziotti professionisti potranno indagare finché vogliono, ma non c’è partita con l’anziana zitella. Solo il suo intuito, il sottile ragionamento possono cogliere dettagli e tracciare collegamenti invisibili a occhio maschile. Nessuno meglio di lei conosce i meandri più oscuri del cuore e della mente.

     

Costa: Opzione Wavecrest

Il giorno della grande onda

Lucius Etruscus, 17/02/2022

Costa: confini perduti

Il mondo è il campo di battaglia

Lucius Etruscus, 24/07/2021

Intrigo in Costa Verde

Un giallo in una incantevole zona ricca di lunghissime spiagge e spettacolari scogliere situate a sud ovest della...

Elena Capaldo, 31/07/2020