Era il 16 dicembre 1984 quando Segretissimo Mondadori n. 1008 presentava al pubblico italiano questa 74ª avventura del Principe delle Spie Malko Linge.

Oggi, quasi trent’anni esatti dopo, Segretissimo SAS n. 82 porta in edicola Morire alla giornata (Les fous de Baalbek, 1984) di Gérard de Villiers.

-

Dalla quarta di copertina:

Bunker protetti da cemento e sacchi di sabbia, tra filo spinato e sbarramenti anticarro. Edifici squarciati e palme decapitate dai bombardamenti, esplosioni d’artiglieria in lontananza. Sembra un campo di battaglia: è il lungomare di Beirut. In un’atmosfera di spettrale desolazione si avventura John Guillermin, che dopo il recente attentato all’ambasciata americana si è visto proiettare dalla sua scrivania di analista della CIA a un ruolo operativo. Per il quale non è addestrato. Oggi deve incontrare un informatore e quasi spera che non si presenti. Qualcuno invece arriva, un giovane arabo: non è lui. Guillermin si rilassa, altri cinque minuti e rientrerà alla base. Un attimo dopo la prima pallottola lo raggiunge alla nuca, la seconda penetra nell’orecchio destro e gli trapassa il cranio. Ora a Langley capiranno che per muoversi in un paese devastato da anni di guerra civile ci vogliono gli uomini adatti. Come Malko Linge. E se la missione è sventare i piani di un gruppo terroristico che prepara un attentato spettacolare, il Principe delle Spie è nato adatto.

-

SAS Furore d'Olanda

Guerra fredda ad Amsterdam per Malko Linge

Lucius Etruscus, 15/05/2021

Morire alla giornata

Malko Linge nell’inferno di Beirut

Lucius Etruscus, 17/04/2021

SAS vede nero

Safari di sangue per Malko Linge

Lucius Etruscus, 6/09/2015