Dalle nebbiose e inquietanti serate della Londra tardo-vittoriana, ai tavoli auspicabilmente privi di fumo (ma so che il mio gruppo in questo è una minoranza) dei salotti nostrani, Jack lo Squartatore è diventato uno tra i personaggi più gettonati dell’universo ludico contemporaneo, sia esso come rivale di Sherlock Holmes in un ben noto gioco per PC, sia come protagonista o comprimario di lusso di un cospicuo numero di giochi da tavolo, che si sono guadagnata una discreta fama nel corso degli ultimi anni. In questa breve rassegna, vedremo la sua evoluzione nel gioco da tavolo.

           -

La prima menzione va a un gioco poco noto, risalente esattamente a trent’anni fa, al 1983, pubblicato dalla canadese Aulic Council, una piccola e praticamente sconosciuta casa editrice, che nel corso della sua breve esistenza, ha pubblicato tre soli giochi, due dei quali dei wargames dedicati alla Seconda Guerra Punica in Italia (Hannibal) e alla guerra Anglo-Francese in Canada (Mohawk), il terzo un boardgame per due soli giocatori, dedicato alle "imprese" del Nostro. Nel gioco, fortemente derivato dal wargame (ma d’altra parte, in quegli anni, era l’unico tipo di gioco da tavolo considerato accettabile per gli adulti), un giocatore interpretava il ruolo di Jack e l’altro quello di Sir Charles Warren. Scopo di questo ultimo è identificare e catturare Jack prima che uccida troppe prostitute. Meccaniche simili al quasi contemporaneo Scotland Yard (che può in effetti essere considerato uno dei protitipi del genere, ed è un gioco su Jack lo Squartatore edulcorato e reso irriconoscibile nel ruolo del fantomatico protagonista, per renderlo accettabile per un pubblico di ragazzini), teso ed equilibrato, a quanto dicono le recensioni. È stato un po’ la base su cui si sono modellati tutti i futuri giochi dedicati al Nostro.

E che le meccaniche e lo stile di gioco di Scotland Yard siano alla base di quasi tutti gli altri tentativi ludici da tavolo riguardanti lo Squartatore, è facilmente comprensibile: sono semplici e riescono a catturare molto bene l’atmosfera di dubbi e sotterfugi che alimenta la leggenda di Jack.

           -

Ed ecco quindi che dopo il citato Jack the Ripper (è questo il titolo del gioco Aulic sopra descritto), anni recenti hanno visto spuntar fuori dei suoi “aggiornamenti” (alla fine, gran parte dei giochi da tavolo che hanno invaso le tavole del gioco adulto a partire dalla metà degli anni Novanta, sono tutti varianti o modifiche di sistemi già lungamente provati in passato, salvo rare eccezioni) come Mr Jack (gioco francese del 2006) e Whitechapel (titolo italiano dell’originale Letters from Whitechapel, e unico di questa serie di giochi ripperiani ad aver avuto una versione italiana).

L'assassino di Whitechapel

La verità sui delitti di Jack lo Squartatore

Lucius Etruscus, 31/07/2018

The Ripper Legacy

Uscito a luglio un apocrifo con Jack lo Squartatore

Lucius Etruscus, 24/08/2016

Giochi da tavolo 1. Jack lo Squartatore

Inizia oggi il viaggio di Roberto Chiavini, esperto del settore, nel mondo dei giochi da tavolo con protagonisti da...

Lucius Etruscus, 22/09/2013